Come rimediare ad una perdita d’acqua in casa?

Scoprire che il proprio impianto domestico perde acqua in un punto non precisamente specificato non è mai una piacevole sorpresa, soprattutto perché si tratta di una problematica che richiede un intervento urgente da parte di una ditta specializzata e che dunque non può essere risolto in autonomia.

Il timore degli utenti è solitamente quello di incappare in una ditta che adotti un approccio piuttosto  distruttivo e che operi dunque ad esempio sollevando pavimenti o bucando pareti per andare alla ricerca della perdita d’acqua, il che comporta ovviamente costi più elevati per il ripristino.

In realtà questo tipo di approccio non è il più efficace. Vi.Ro Impianti lo sa bene in quanto ormai da anni adotta l’efficace termografia, grazie alla quale è possibile individuare in maniera rapida e precisa il punto esatto dal quale proviene una perdita, in questa maniera i costi relativi al ripristino del pavimento o del muro ovviamente sono più bassi in quanto l’intervento adoperato per porre rimedio alla perdita è veramente poco invasivo.

La termografia dunque, consente di ottenere interventi che costano meno e che sono più rapidi e risolutivi. Questa tecnica per la ricerca perdite acqua è un vantaggio anche per evitare che accadano problematiche agli appartamenti sottostanti, come nel caso di perdite che non vengono riparate velocemente per le quali l’acqua filtra e si presenta anche negli appartamenti sottostanti.

Si tratta dunque di situazioni poco piacevoli che è bene evitare, e per fortuna oggi esistono le tecniche e le soluzioni che consentono di rimediare ad una perdita d’acqua improvvisa in casa in maniera non invasiva, rapida e dai prezzi accessibili. Vi.Ro Impianti è una importante realtà del settore, con sede in provincia di Lecco, e
per un intervento o analisi è possibile contattare l’azienda al recapito telefonico 0399204554. È anche possibile inviare una mail per richiedere un preventivo o informazioni supplementari, l’indirizzo è info@viroimpianti.it

Studio Franco Guerrieri: tradizione ed innovazione

Lo studio Franco Guerrieri opera nel settore della compravendita di immobili di prestigio Monza da oltre un ventennio e rappresenta nel mercato brianzolo una realtà solida ed affermata.

Lo studio offre servizi di mediazione trasparenti ed efficaci garantendo la possibilità, tanto agli acquirenti quanto ai rivenditori, di condurre trattative effettivamente vantaggiose e comunque sempre vicine all’interesse del cliente. Si tratta quindi di un servizio a 360 gradi che non termina semplicemente con la chiusura dell’affare ma può anche estendersi ad eventuali lavori di progettazione o ristrutturazione, ad esempio.

Il quid in più però arriva dall’eccezionale vetrina online che il sito ufficiale offre, dicendo quindi di sì all’innovazione e alla possibilità di scoprire in anticipo tantissime peculiarità degli immobili presenti nel database. Il sito francoguerrieri.it offre infatti la possibilità di visionare un gran numero di soluzioni abitative, nonché di richiedere supporto tecnico e legale in qualsiasi momento. Una gran bella comodità, non c’è che dire!

Gli immobili

Gli immobili in vendita sono perlopiù situati, come accennato, in una precisa area della Lombardia, quella della Brianza. In particolar modo lo studio Franco Guerrieri propone strutture di una certa rilevanza architettonica, di pregio paesaggistico e di importanza storica (molte sono le ville o le cascine di antica fattura) oppure ancora di indiscusso valore commerciale.

Si tratta insomma di una gestione il cui target è individuabile in una  fetta abbastanza elitaria del mercato, scelta che, come dimostra la solidità dell’azienda, ha dato i suoi frutti.

La politica aziendale

La politica aziendale adottata dall’agenzia è quella di garantire sempre la massima accuratezza e trasparenza in tutte le fasi del servizio. Tutti gli immobili trattati vengono accuratamente selezionati da uno staff tecnico, valutati a dovere e descritti al cliente in tutti i loro pregi ed i loro difetti.  Le trattative poi vengono sempre condotte con estrema discrezionalità e con il sussidio di esperti del mondo dell’edilizia, del design e della legge.

Residence Privilege Apartments a Monza

Il Residence Privilege Apartments si trova a Vimercate, tra Monza e Milano, ed offre ogni tipo di comodità a quanti viaggiano per motivi personali o di lavoro. Gli appartamenti esclusivi a disposizione degli ospiti sono infatti dotati di ogni comfort e consentono di usufruire di un relax ancora più intenso grazie agli oltre 10 mila metri quadrati di verde che circondano la struttura. Chi desidera dedicarsi al proprio lavoro durante la permanenza inoltre, può farlo tranquillamente grazie al Wi-Fi gratuito offerto in tutti gli appartamenti, nonché alla comoda scrivania, telefono, e servizio di invio/ricezione fax a disposizione.

Se, al termine di una intensa giornata di lavoro, il desiderio dovesse essere quello di rilassarsi e liberare la mente dalle fatiche del giorno, sarà possibile concedersi una piacevole doccia con getti idromassaggio, usufruire della TV a schermo piatto, rilassarsi tra i fornelli dell’ottimo piano cottura presente, prepararsi un buon caffè grazie all’apposita macchina per caffè espresso, accendere l’aria condizionata o riscaldamento ed infine concedersi un buon sonno su di un ottimo cuscino in memory. Non manca davvero nulla dunque per dedicarsi al lavoro ma anche per rilassarsi in maniera adeguata, proprio come quando si è in casa, e rilassarsi così in uno dei più moderni ed eco-friendly hotel a Monza.

Esistono inoltre due differenti tipologie di appartamento, il Classic o l’Executive, che presentano la stessa capacità di offrire benessere e relax agli ospiti, sebbene con qualche differenza per quel che riguarda le dimensioni dell’ambiente ed il numero massimo di persone che è possibile ospitare. Per quel che riguarda i dintorni della struttura è importante sottolineare che a meno di un chilometro di distanza, è presente un quartiere che vanta diversi cinema multisala, centri commerciali, negozi ed ogni tipo di servizio. Ad un solo chilometro dalla struttura infine, vi è il centro business Energy Park.

Acqua pura e sicura con i distributori IWM per l’ufficio

Bere dell’acqua ben bilanciata e ricca di sali minerali è importante per mantenere in perfetto stato di salute il nostro fisico e l’organismo più in generale. Diversi studi hanno anche recentemente dimostrato la stretta relazione che vi è tra una corretta idratazione e la capacità di mantenere alto il livello di concentrazione nel corso della giornata. Ecco perché, soprattutto all’interno di ambienti lavorativi di ogni tipo, è bene fare in modo che i dipendenti possano avere sempre accesso ad una fonte d’acqua così da potersi dissetare ogni qualvolta si avverta la necessità di bere. L’esigenza di garantire una corretta idratazione ai lavoratori va spesso ad incontrare delle difficoltà nel momento in cui si scopre che l’acqua dei boccioni, tipicamente utilizzati per garantire la necessaria fornitura d’acqua sui luoghi di lavoro, ha un costo al litro non indifferente e che dunque si tratta di una voce di spesa mensile piuttosto importante.

A ciò vanno aggiunte le difficoltà fisiche nello stoccare e trasportare i pesanti boccioni o il doverli mettere in funzione ogni qualvolta quello precedente si svuota del tutto. La soluzione pratica, conveniente e di qualità è oggi rappresentata dal distributore d’acqua per ufficio che IWM propone: una soluzione moderna ed efficace per la quale è possibile andare a filtrare direttamente l’acqua del rubinetto e trattarla migliorandola sia dal punto di vista della struttura che del sapore, con la possibilità di averla fredda, calda, gasata o con ghiaccio in base alle preferenze personali. Grazie al sistema ad osmosi inversa la qualità dell’acqua è dunque garantita, e trattandosi di acqua di rubinetto il costo di approvvigionamento per litro sarà ovviamente più basso rispetto quello relativo ai boccioni da ufficio. Sarà la stessa IWM ad occuparsi della manutenzione annuale del distributore così da garantire sempre il perfetto funzionamento dell’impianto, preservandolo nel tempo.

Valorizzare ogni ambiente con i faretti da incasso

Tra le possibilità oggi più ricercate e apprezzate da coloro i quali si occupano di interior design, vi è certamente la possibilità di installare dei faretti da incasso nel controsoffitto. Questa soluzione è in grado di apportare immediatamente un importante contributo in termini di eleganza e ricercatezza, e può essere apportata sia in corridoio che nell’ingresso, così come nel living, nel disimpegno e all’interno della cabina armadio, nonché in cucina. Ovunque ci siano quindi soffitti ribassati è possibile andare ad apportare tale geniale soluzione: è sufficiente per questo scegliere i faretti giusti per quel che riguarda la loro tipologia, il numero esatto di faretti da installare e la posizione che gli stessi devono assumere al fine di creare l’atmosfera desiderata o l’illuminazione ideale, anche in relazione alla tipologia di ambiente nel quale si decide di installarli, valorizzando al meglio arredi e spazi a disposizione.

Su lucefaidate.it trovi tantissimi modelli di faretti da incasso tra i quali puoi sicuramente individuare quelli che pensi possano adattarsi meglio all’utilizzo che intendi farne, scegliendo tra differenti forme, colori e materiali. Facili da installare e da mettere in funzione, questi ottimi faretti possono anche essere tinteggiati a piacimento così da “nascondersi” perfettamente assumendo lo stesso colore della parete. È una soluzione oggi sempre più adottata e perfettamente in grado di conferire ad ogni ambiente tutto quel livello di comfort e benessere auspicato grazie ad una corretta illuminazione, la quale riveste un ruolo di fondamentale importanza in quanto davvero influente sia a livello di percezione che emotivo. Ecco il motivo per il quale sono tantissimi gli interior designer che decidono di proporre questa soluzione ai propri clienti, concretamente in grado di cambiare volto ad una stanza o a un intero appartamento grazie al notevole contributo in termini di rilassatezza ed atmosfera che è in grado di apportare.

Come fare un selfie perfetto. Le 6 regole

Siamo sicuri di saper realizzare un selfie con lo sguardo giusto, la location accattivante, e il giusto posizionamento della camera? A volte, sembrerebbe proprio di no. Labbra a becco d’anatra, location improbabili, pose da star spopolano tra le foto profilo pubblicate sui social. Ma niente paura. Un aiuto per imparare a scattare il selfie perfetto arriva da Wiko, l’azienda francese produttrice di smartphone. Che ha stilato sei semplici regole per sapere sempre cosa fare e cosa non fare di fronte all’obiettivo.

Duck face addio, e meglio uscire dal bagno

Le espressioni facciali non sono determinate dalla cultura o dalle tradizioni locali, ma fanno parte di un linguaggio universale. E la celebre posizione delle labbra a becco d’anatra stile Zoolander per fortuna volge al suo ultimo capitolo per lasciare il posto a espressioni del volto naturali. Spazio quindi a sorrisi, espressioni di stupore o tristezza invece dell’artefatta duck face. E se è il bagno ad aggiudicarsi il primo posto tra le location preferite per i selfie ora iniziano a essere davvero tantissimi gli utenti e gli influencer che si autoritraggono con l’hashtag #bathroomselfie. Soprattutto negli eleganti bagni degli hotel con specchi incastonati in cornici illuminate. Ma siamo sicuri che sia una buona idea?

Attenzione ai gesti off limits

Chissà come avrebbero reagito James Joyce o Marcel Proust, riporta Agi, se avessero visto le loro frasi più celebri a corredo di selfie provocanti. Meglio pensare al buon gusto, e chiedere ai selfie-addicted di evitare di scomodare i grandi del passato. Sui social la consapevolezza di essere sotto gli occhi di tutti è fondamentale, eppure sono tanti gli influencer che hanno perso follower a causa di un caso di “lost in translation”, cioè incomprensioni dovute all’appartenenza a culture differenti. Prima di scattare e postare bisogna stare attenti ai gesti. Ad esempio, il classico segno delle dita V con il dorso della mano non è ben visto da inglesi e australiani, che lo considerano offensivo. Anche il semplicissimo gesto di “Ok” in Brasile e Russia assume un’accezione negativa, mentre in Francia indica una persona che vale zero.

Selfie acchiappa-like con animali, e luoghi vietati

Se il gatto si conferma il re indiscusso dei selfie su Instagram, in vacanza guadagnano like anche altri animali, come il quokka, il piccolo marsupiale che vive su un’isoletta australiana. Ci sono però animali con cui è severamente proibito farsi i selfie, sia per l’incolumità dell’animale sia dell’autore dell’autoscatto. Sembrerà assurdo, ma gli animali ancora non hanno capito cosa sia una foto e potrebbero reagire in maniera inaspettata.

La lista dei luoghi in cui, per diversi motivi, vige il divieto di scattare foto è lunga e talvolta ricca di sorprese. In molti musei l’utilizzo di smartphone e fotocamere è vietato per proteggere le opere d’arte, ma anche luoghi di culto e perfino noti parchi divertimenti hanno messo al bando l’utilizzo dei selfie-stick. Quindi è meglio prima verificare.

 

Viaggiatori della Generazione Z, ispirati da Instagram e influencer

Per la Generazione Z, Instagram è la principale fonte di ispirazione per decidere la meta della prossima vacanza, e il 45% di loro si fida dei consigli di influencer e personaggi famosi. Il 25% inoltre scatta oltre 50 foto al giorno durante la vacanza, e il 40% le condivide sui social. Lo ha scoperto una ricerca condotta da Booking.com, il sito di ricerca e prenotazione di alloggi, esperienze di viaggio e opzioni di trasporto, su un campione di 21.807 partecipanti dai 16 anni in su provenienti da 29 Paesi. Italia compresa.

Il 54% cerca sui social post e foto dedicate alle vacanze

Il 54% dei viaggiatori della Generazione Z cerca sui social post e foto dedicate ai viaggi, e il 40% va subito a dare un’occhiata al feed per trovare ispirazione, grazie agli hashtag come #travel, #ispirazione e #viaggi.

E sono le donne, il 47%, a essere più inclini a decidere il prossimo viaggio mentre scorrono le storie di Instagram, battendo il 25% della media globale e il 30% registrato tra i Millennials. Dati che non sorprendono, poiché i giovanissimi hanno avuto fin da subito accesso alla tecnologia, tanto che il 55% indica la presenza del WiFi come uno dei fattori più importanti durante il soggiorno. Una percentuale decisamente più alta rispetto il resto dei viaggiatori, a conferma che per la Gen Z la vacanza non è pensata per staccare la spina.

L’importanza delle immagini

Quando si tratta di dover decidere la destinazione, il 45% degli appartenenti alla Gen Z afferma di farsi convincere dagli influencer, con il 35% pronto a fidarsi delle loro raccomandazioni e consigli. Ma non è solo il profilo degli influencer a dover essere ricco di foto ben fatte: deve esserlo anche quello personale. Il 43% della Gen Z conferma addirittura di scegliere le destinazioni per poter fare foto spettacolari. E il 42% di caricare sempre qualche immagine sui social (contro il 35% dei viaggiatori appartenenti ad altre fasce d’età). Il 29%, inoltre, dichiara di aver scattato tra le 10 e le 30 foto al giorno durante l’ultima vacanza, e il 25% più di 50.

Non solo smartphone

L’ispirazione però non arriva solo dallo smartphone. Il 35% dei partecipanti al sondaggio ha infatti dichiarato di voler spesso visitare mete viste in serie TV o film. E il 33% continua a chiedere consigli “offline” ad amici e parenti. I social quindi non sono tutto, e la Gen Z dà molta importanza alle esperienze. Il 57% degli intervistati preferisce vivere il momento piuttosto che scattare foto da pubblicare online, considerate una sorta di bonus extra, ma non il motivo principale del viaggio. E il 50% crede che venga data troppa rilevanza all’aspetto social dei viaggi. Nonostante non si possa negare che la Gen Z sia molto presente online, allo stesso tempo sembra sapere quando è il momento di vivere esperienze offline. Oppure, è una generazione che ama la contraddizione.

Il supercomputer del futuro abiterà in Italia. Bologna selezionata per ospitarlo

Un supercomputer europeo del futuro, capace di una potenza di calcolo da mille miliardi di operazioni al secondo. E uno degli otto paesi selezionati per ospitarlo è l’Italia. In particolare, nella città di Bologna, individuata come “casa” italiana del supercomputer dal Comitato europeo sul calcolo ad alte prestazioni (EuroHPC). L’Italia aveva presentato la sua candidatura lo scorso 21 gennaio, grazie a un consorzio congiunto con la Slovenia nell’ambito di un progetto guidato dal Consorzio Interuniversitario Cineca, con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste. La nomina dell’Italia è avvenuta nell’ultima riunione dell’organo voluto dalla Commissione europea per promuovere lo sviluppo di una rete di supercomputer, il comitato dell’EuroHPC JU (European High Performance Computing Joint Undertaking).

Un Tecnopolo dedicato al supercalcolo

Uno degli otto supercomputer europei verrà costruito nel Tecnopolo che sta sorgendo presso l’ex Manifattura Tabacchi del capoluogo emiliano, accanto al Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (Ecmwf). In questo modo l’Emilia-Romagna, dove si concentra il 70% della capacita di calcolo e di storage nazionale, passa dalla 19a alla 5a posizione nella classifica mondiale dei centri di calcolo, riferisce LaVoce.

Gli altri sette supercomputer “alloggeranno” a Sofia (Bulgaria), Ostrava (Repubblica Ceca), Kajaani (Finlandia), Bissen (Lussemburgo), Minho (Portogallo), Maribor (Slovenia), e Barcellona (Spagna).

Un progetto da 840 milioni di euro di finanziamento

Finanziato con 840 milioni di euro, il progetto sarà operativo nel 2021 e prevede la creazione di una rete di supercomputer con elevatissime capacità di calcolo, di classe pre-esascala, in grado cioè di raggiungere la potenza di calcolo di un miliardo di miliardi di operazioni al secondo. In pratica, una cifra da 18 zeri, riferisce una notizia Ansa. Questi computer di ultima generazione troveranno molteplici applicazioni, dallo studio del funzionamento del cervello a quello dell’evoluzione dell’universo, dalla progettazione di nuovi farmaci alla lotta ai cambiamenti climatici.

Sfruttare le potenzialità offerte dai big data e dall’intelligenza artificiale

“L’assegnazione è motivo di orgoglio per il nostro Paese. Si tratta di un’iniziativa strategica, volano di crescita e innovazione – commenta il ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, Marco Bussetti -. Questo risultato è il frutto di un importante lavoro di squadra. Un’iniziativa in cui ho fortemente creduto sin dal mio insediamento al Ministero, destinandovi risorse specifiche, pari a 120 milioni di euro – aggiunge il ministro -. Si tratta di un progetto che riconosce la leadership del nostro Paese in questo settore e che ci permetterà di sfruttare appieno le potenzialità offerte dai big data e dall’intelligenza artificiale”.

Per colpa della plastica l’80% italiani teme un disastro ambientale

L’80% degli italiani teme di essere alle soglie di un disastro ambientale, e il 74% pensa di aver contribuito personalmente alla creazione delle isole dei rifiuti negli oceani. Alla vigilia di una nuova era “plastic free” scandita dagli step dell’Unione Europea, e dal grido di allarme di un pianeta invaso dalla plastica, il primo studio Ipsos dedicato alla plastica racconta di una crescente consapevolezza ambientale dei cittadini. E delinea le aspettative dei consumatori nei confronti delle aziende in tema di impatto ambientale.

Le aziende non stanno facendo abbastanza per la sostenibilità

Secondo lo studio l’emergenza ecologica non è più percepita come priorità solo per una élite, ma è un problema vissuto dalla gran parte delle persone che se ne fanno carico attraverso un’acquisizione di conoscenza qualificata, cresciuta negli ultimi 4 anni del 65%. Per quanto riguarda l’allarme plastica per il 50% degli italiani si tratta di un problema molto serio, e oltre 1 italiano su 3 ritiene che siano le aziende a dover offrire risposte concrete per la riduzione dell’uso della plastica nelle confezioni dei prodotti. Aziende che per il 77% degli intervistati non stanno facendo abbastanza per la sostenibilità.

Plastic-free, un’opportunità da cogliere e una scelta strategica

Ancora in merito all’Sos plastica il 46% degli italiani però lo ritiene “solo” un problema, che esiste ma può essere risolto (26%), oppure che esiste perché ora la plastica non è adeguatamente riciclata (20%). E se l’1% considera il dibattito sulla plastica frutto di allarmismi inutili il 2% non lo vive come preoccupazione.

Dallo studio emerge però che il plastic-free rappresenta un’opportunità unica da cogliere e una scelta strategica per le aziende, e che il packaging sia il primo fattore di sostenibilità su cui viene valutato un brand (41%). Per il 52% degli italiani emerge il desiderio di trovare marche che permettano “di fare la differenza nel mondo”, ma ammettono che tra i prodotti in plastica a cui faticheranno a rinunciare ci sono le bottiglie d’acqua (il 33%), e le pellicole trasparenti per gli alimenti (il 27%).

Il 68% dei cittadini pagherebbe di più un prodotto “fatto” con politiche ambientali rigorose

Un altro messaggio significativo dell’analisi Ipsos, riporta Ansa, è quello per cui oggi l’azienda sostenibile viene ripagata dai consumatori, con il 68% dei cittadini disposto a pagare di più per un prodotto o servizio di un’azienda che attua politiche ambientali serie e rigorose.

Per quanto riguarda i propri comportamenti, il 53% dichiara di acquistare prodotti realizzati con materiali riciclati, il 48% di riutilizzare articoli monouso, il 41% di smettere di acquistare beni con imballaggi non riciclabili, e il 24% di smettere di andare nei negozi che ne usano molti.

Lusso, la crisi non c’è grazie all’Asia

Nonostante il rallentamento della crescita mondiale è grazie all’Asia che il settore del lusso continua a vedere un futuro roseo. Nel 2017 le vendite dei prodotti d’alta gamma dei primi 100 gruppi al mondo ha toccato i 247 miliardi di dollari, in crescita del 13,8% sull’anno precedente. E ben sei società dell’area Asia-Pacific sono nella classifica Deloitte delle imprese che crescono più velocemente. Lo dimostrano i dati del Global Powers of Luxury Goods, lo studio annuale di Deloitte, secondo il quale la supremazia occidentale del lusso è insidiata. Nella fascia di alta gamma si inizia infatti a sentire la competizione dell’Asia, non più solo consumatrice, ma sempre più produttrice di beni luxury.

La classifica del lusso, Lvmh, Estee Lauder e Richemont sul podio

Anche se nella Top 100 di Deloitte 20 società sono asiatiche per ora il podio della Top 10 del lusso è stabile, con la francesce Lvmh che domina incontrastata, seguita da Estee Lauder e Richemont. L’unica italiana nella Top 10, Luxottica, è scesa al 5°uinto posto dopo il sorpasso di Kering, anche se il dato è precedente alla fusione con Essilor, completata nel 2018. Dopo il colosso degli occhiali arrivano Prada (21°) e Giorgio Armani (26°). I tre gruppi insieme fanno quasi la metà dei 34 miliardi di dollari del lusso Made in Italy venduto nel mondo, pari al 14% dei ricavi globali. Tra le sei società dell’area Asia-Pacific in classifica il gruppo di Hong Kong della gioielleria Chow Tai Fook è al 9° posto, con 7,6 miliardi di dollari di ricavi (+15,4% sull’anno precedente).

Una crescita guidata dagli Henrys di Cina e India

L’influsso crescente dell’estremo oriente, sia per i risultati finanziari sia per la domanda, non è da trascurare, “con i consumatori cinesi che guidano il consumo dei beni di lusso sia in patria che all’estero”, spiega Patrizia Arienti, Deloitte Emea Fashion & Luxury Leader. Dietro questa dinamica ci sono i cosiddetti Henrys, cioè gli High earners not rich yet, ovvero, chi guadagna tanto, ma non è ancora un Paperone. In pratica, la nuova classe di consumatori middle class, che sta crescendo soprattutto in Cina e in India. E i signori del marketing hanno gli occhi puntati su di loro. Con redditi annui tra i 100 e i 250 mila dollari sono proprio gli Henrys i futuri big spender, per lo più Millennial amanti dello shopping online, e capaci di metter mano al portafogli senza timidezza.

Un’italiana aggancia i consumatori del lusso del futuro

In questo quadro le imprese italiane difendono la loro leadership, ma per vincere la sfida dovranno sapere “coniugare modelli di business innovativi con tradizione ed esclusività del prodotto” sottolinea Arienti. Sarà per questo che Moncler è l’italiana più performante, con il +20,9% di margine di profitto netto. Il suo progetto Genius, che coinvolge nuovi designer con uscite di nuovi prodotti cadenzate nell’anno e una forte strategia digitale, ha saputo agganciare i consumatori del lusso del futuro.

Gaming online, un boom fra i più giovani. Una ricerca dice che per giocare sono disposti a trascurare lavoro e amici

Il gaming online sta registrando un vero e proprio boom a livello planetario, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione. Ma c’è di più: la popolarità del gaming online non conosce battute d’arresto, anzi, ma continua ad aumentare con giocatori che trascorrono davanti allo schermo oltre sette ore alla settimana. Si tratta di un aumento del 20%, registrato solo nell’ultimo anno. I giovani adulti si posizionano in testa alla classifica dei giocatori online, con gamer di età compresa tra i 26 e i 35 anni che giocano otto ore e 13 minuti alla settimana, un aumento pari al 25% rispetto all’anno scorso. I dati sono il fiuto della ricerca “State of online gaming – 2019” sui comportamenti di gioco e sulle aspettative dei consumatori di tutto il mondo condotta da LimeLight Networks,  fornitore leader di servizi cloud. Lo studio ha coinvolto 4.500 utenti in Francia, Germania, India, Italia, Giappone, Singapore, Corea del Sud, Regno Unito e Stati Uniti di età pari o superiore ai 18 anni che giocano ai videogiochi almeno una volta alla settimana.

Come cambiano le abitudini dei gamers

Sono diversi i casi di games che danno maggiore importanza al gioco on line rispetto alle normali attività quotidiane. E’ questo, in base alla ricerca, il primo cambiamento nelle abitudini delle persone che si danno al gaming. L’8,2% dei giocatori italiani dice di aver saltato il lavoro per giocare ai videogiochi e ben il 41%, sempre degli italiani, ha rinunciato a uscire con gli amici o andare a un appuntamento per continuare a giocare. Quasi la metà (42,6%) dei giocatori italiani riferiscono di aver perso ore di sonno, mentre il 17,4% dichiara di non essersi fatto la doccia e il 20,6% di aver saltato i pasti. E c’è un dato che riguarda anche il lavoro: il 12,7% degli italiani dichiara di giocare al lavoro almeno una volta al mese, dei quali il 4,1% su base giornaliera.

Se non gioco, guardo

Un altro dato singolare è che, anche quando non giocano direttamente, molti gamer guardano altri che giocano online. A livello globale, quasi il 60% dei giocatori guarda altre persone giocare online ogni settimana, con il 10% che assiste ai match per più di sette ore. I gamer più giovani preferiscono guardare altri giocare online piuttosto che seguire sport tradizionali in TV, in particolare i giocatori di età compresa tra 18 e 25 anni trascorrono quasi quattro ore alla settimana a guardare videogiochi online, il 77% in più rispetto al tempo che trascorrono guardando trasmissioni sportive tradizionali.

Obiettivo: il professionismo

Il gaming on line è per molti anche un ambizione e un obiettivo professionale.Tra i gamers, aumentano le loro aspirazioni per poter diventare dei giocatori professionisti: il 36% dei giocatori a livello globale lascerebbe il proprio lavoro per diventare un professionista, se potesse mantenersi come gamer professionista (un aumento dell’11% rispetto all’anno scorso) una percentuale di italiani pari al 41%. I giocatori maschi più giovani (da 18 a 35 anni) sono i più interessati alle carriere nel settore degli e-Sport, con più della metà (56%) che indica di voler diventare un giocatore professionista

Come scegliere il manager giusto. I consigli dell’head hunter alle aziende

La scelta del manager giusto non è sempre facile. A volte sul CV i candidati presentano tutte le competenze e le doti necessarie, ad esempio, capacità decisionale, carisma, senso pratico, abilità relazionali e leadership. Ma poi, alla prova dei fatti, si rivelano poco adatti per la gestione di una determinata area aziendale. Oppure, si rivelano troppo concentrati sulla propria carriera, al punto da mettere a rischio il raggiungimento degli obiettivi aziendali pur di mantenere i privilegi acquisiti.

Quali sono quindi gli aspetti da considerare nel delicato processo di selezione?

Il manager perfetto deve essere creativo, generoso, e autocritico

“Le aziende hanno visioni totalmente diverse circa il manager perfetto. C’è chi pensa che questo professionista debba essere un visionario, un creativo – risponde Carola Adami, CEO di Adami & Associati, società di ricerca e selezione del personale – mentre secondo altri il manager ideale è stabile, profondamente maturo e anche noioso”. “La ragione, come spesso accade, sta nel mezzo. Di certo un buon manager deve avere una buona dose di creatività, deve essere un gran comunicatore, deve avere carisma, ma deve anche essere obiettivo, trasparente e soprattutto affidabile e generoso”, afferma Adami. Ma non è tutto: il manager ideale non deve mai considerarsi “arrivato”, deve continuare invece ad aggiornarsi ed è capace di essere autocritico.

Le hard skills non bastano

Per selezionare il manager perfetto, quindi, non è sufficiente individuare una lista di competenze tecniche. Come conferma l’head hunter, “le hard skills non bastano. Oltre a conoscere in modo approfondito il lavoro del proprio futuro, il candidato ideale è quello che si mostra in grado di formare e di motivare il proprio team, nonché di assumersi la responsabilità dell’intera sezione aziendale”.

Non sono, però, solamente le imprese a scegliere i manager giusti. Sono infatti anche quest’ultimi, molto spesso, a valutare le offerte delle aziende interessate.

Cosa cerca un professionista talentuoso in un’azienda?

Cosa cerca un manager talentuoso in una nuova azienda? “Non tutti i manager, va detto, cercano le medesime cose”, sottolinea Adami. Un manager giovane, ad esempio, sarà soprattutto alla ricerca di possibilità di carriera, mentre una figura senior avrà altre motivazioni.

Cosa può fare quindi un’azienda se vuole attirare i migliori professionisti sul mercato?

Innanzitutto deve lavorare seriamente sul proprio employer branding, quindi sulla propria reputazione di datore di lavoro, così da “guadagnare punti” nei confronti dei competitors. A contare, poi, non è solamente il salario. “Soprattutto per le nuove generazioni di manager – aggiunge Adami – lo stipendio diventa un elemento secondario, oscurato da altri fattori primari come l’autonomia decisionale, la possibilità di carriera, e i benefit collaterali”.

L’uso smart dei big data è sempre più cruciale per le imprese

L’utilizzo smart dei dati è un fattore vincente anche per le aziende tradizionali, quelle cioè non legate al digitale o all’e-commerce, e rappresenta un vantaggio delle medie imprese su quelle più grandi. Un uso smart dei big data risulta quindi dirompente per le aziende, perché può ribaltare i rapporti di forza sul mercato, e consentire ad alcune piccole imprese di compiere una rapida espansione.

Lo evidenzia una ricerca condotta su 1.266 dirigenti intervistati da AstraRicerche per Manageritalia. Più della metà delle aziende intervistate utilizza infatti i dati per gestire le relazioni con i clienti (il 69,5% ha un Crm), e per dialogare con fornitori e clienti (55,5%). Poco più di un terzo (37,2%) utilizza un sistema di Big Data Analisys, mentre il 44,8% si avvale di un sistema di e-commerce (completo 19,4% o parziale 25,4%).

Una cultura diffusa di gestione e utilizzo dei dati

Secondo i manager intervistati le aziende data driven saranno molto più numerose nei prossimi tre anni (84,7%), e quelle del terziario (90,8%) trarranno dall’uso smart dei dati importanti vantaggi competitivi più delle aziende dell’industria (82,3%). La quasi totalità (89%), poi, pensa che per valorizzare e utilizzare davvero i dati in modo intelligente, profondo e diffuso, sia necessario riuscire a “far lavorare” in quest’ottica anche chi non è specialista. Per i manager serve quindi una cultura diffusa di gestione e utilizzo dei dati (93,8%), che sia determinata soprattutto da un cambiamento favorito e spinto dall’alto (87,9%).

Utilizzare i dati in modo più efficace investendo meno di quanto si pensa

Se tutti devono lavorare “intelligentemente” con i dati, riporta Adnkronos, tra le aree funzionali più coinvolte rientrano vendite e commerciale, marketing e comunicazione, produzione e logistica, e direzione generale. Seguono acquisti, finanza/amministrazione e Hr.

Molte aziende potrebbero però utilizzare i dati in modo molto più efficace, investendo molto meno di quanto pensino (83%). E potrebbero ottenere grandi vantaggi competitivi grazie a un uso più smart dei dati a disposizione (70,4%). Inoltre gli intervistati negano che l’utilizzo dei dati sia fondamentale solo per le aziende che hanno una componente online molto rilevante (55,1%).

“Sviluppare competenze diffuse, in ogni funzione aziendale, a ogni livello”

Dall’indagine emerge quindi “la forte sensibilità del management allo sviluppo di processi data driven, una visione coerente delle priorità e il rigetto di alcuni luoghi comuni – afferma Mario Mantovani, vicepresidente Manageritalia.-. La domanda di competenze specialistiche è elevata, ma è ancora più importante sviluppare competenze diffuse, in ogni funzione aziendale, a ogni livello. Non illudiamoci –  continua Mantovani – di ottenere risultati con interventi veloci e limitati o con investimenti dettati solo da incentivi fiscali”. Al contrario, si tratta di azioni realizzabili con la presenza di manager focalizzati sullo sviluppo e dotati di risorse adeguate agli obiettivi.